Picker Icon

Select Your Style

Choose your layout

13 consigli per proteggere  l’udito

Come proteggere l’udito dal rischio dell’insorgenza della sordità? L’ipoacusia, ossia la diminuzione dell’udito, può essere di vario grado: lieve, medio, grave o profondo. La sordità può dipendere da varie cause e sintomi. Una persona può iniziare ad avere problemi di udito anche verso i 30 anni, a causa, per esempio, di infezioni dell’orecchio o anche al rumore di tutti i giorni, che a lungo andare danneggia l’udito.

Ecco alcuni consigli per prevenire e per proteggere l’udito:

  1. Per chi utilizza frequentemente MP3 o altri dispositivi elettronici per la musica, è importante abbassare il volume. Oggi i giovani rischiano perdite uditive più precocemente rispetto alle generazioni passate;
  2. Molto importante è anche l’utilizzo dei tappi per le orecchie che possono essere di grande aiuto per chi nuota, inoltre possono essere utili in luoghi dove il rumore può essere fastidioso o assordante, soprattutto per chi lavora nei cantieri, nelle fabbriche, aeroporti e autostrade. Tutti ambienti che col tempo possono provocare non solo problemi di udito ma anche problemi psicologici e stress;
  3. Discoteche e concerti rock potrebbero provocare danni permanenti all’udito ed è un tipo di danno irreparabile, quindi è importante non stare vicino alle casse. La persona poi farà fatica a isolare una conversazione dove ci sia rumore di fondo o in posti affollati. Quindi si raccomanda di utilizzare protettori acustici;
  4. Non indossare auricolari per periodi troppo lunghi perché possono provocare danni maggiori, siccome vengono inseriti proprio nelle orecchie, a differenza delle cuffie (quelle imbottite) che possono provocare meno danni e problemi all’udito. È sempre consigliabile di mantenere il livello del volume in modo da poter sentire i rumori in sottofondo;
  5. Per proteggere l’udito è molto importante rivolgersi almeno una volta all’anno ad un professionista dell’udito per un controllo, per verificare se ci siano dei cambiamenti, in meglio o in peggio;
  6. Fondamentale è l’uso degli otoprottetori, di cui ne esistono varie misure. Sono molto efficaci e utili anche se all’inizio daranno una sensazione di fastidio, però basterà poco per abituarsi;
  7. Dopo la doccia, o il bagno in piscina e al mare, è importante asciugare bene le orecchie, perché si potrebbe scatenare nel canale uditivo un’infezione;
  8. Evitare i bastoncini di cotone per la pulizia delle orecchie, perché si rischia di danneggiare il timpano oppure di non eliminare il cerume ma di spingerlo all’interno dell’orecchio;
  9. Quando si fa uso di medicinali è molto importante leggere il foglietto illustrativo per vedere se c’è scritto che possono dare problemi alle orecchie. Perché ci sono alcuni medicinali ototossicidannosi per l’organo dell’udito;
  10. Se si hanno problemi di udito si può trovare beneficio attraverso l’utilizzo di apparecchi acustici, che permettono di ampliare i suoni, e di migliorare l’udito;
  11. Circondarsi di persone che possono capire le difficoltà di udito che si affrontano, di modo che siano in grado di aiutare a distinguere le informazioni utili da quelle inutili;
  12. Se si è incinta, è fondamentale evitare i rumori troppo alti, perché l’udito del feto può subire dei danni anche all’interno dell’utero. I neonati e i bambini hanno un sistema uditivo in via di sviluppo, per cui sono sensibili ai rumori forti;
  13. È importante seguire uno stile vita sano, per proteggere l’udito e tenere lontana la possibilità di danneggiare il sistema uditivo. Quindi bisogna fare molto esercizio, smettere di fumare e ridurre il consumo di caffeina e di sodio, perché la caffeina riduce il flusso sanguigno diretto all’orecchio e il sodio aumenta la ritenzione idrica provocando gonfiore nell’orecchio interno.

Commenta